Cookie Policy     Chiudi

Questo sito non utlizza cookies.
Per maggiori informazioni leggi la nostra Cookie Policy

Quaderni di Formazione online

Periodico di formazione on line a cura del centro studi e iniziative per la riduzione del tempo individuale di lavoro e per la redistribuzione del lavoro sociale complessivo

QUADERNI 2020

QUADERNI 2019

QUADERNI 2018

QUADERNI 2017

 QUADERNI 2016

Come l'acqua sul dorso di un'anatra

 

I tratti essenziali della rivoluzione Keynesiana

(Parte Terza / 5)

 

GIOVANNI MAZZETTI

Scarica il Quaderno

Presentazione

 

Riprendiamo la pubblicazione dei nostri quaderni di formazione on line dopo la sospensione decisa in occasione della quarantena per il Covid19.

Nelle pagine che seguono ricostruiamo le argomentazioni svolte da Keynes, soprattutto nella Teoria Generale, sulla questione del denaro.  Nei fatti Keynes non giunse mai ad una comprensione della natura del denaro così articolata e chiara come fece invece Marx.  Tuttavia egli colse chiaramente il ruolo che il denaro aveva nella società capitalistica e il modo in cui la sua stessa esistenza determinava l’insorgere delle crisi.

Per giungere a questo risultato Keynes fu costretto ad affrontare una ricerca protrattasi per quasi quindici anni, nel corso della quale dapprima fantasticò che una riforma monetaria, avrebbe potuto permettere di affrontare efficacemente le crisi economiche, poi cominciò a riconoscere, in opposizione alla teoria neoclassica, che una politica monetaria tesa a favorire gli investimenti avrebbe potuto costituire la risposta alle crisi.  Quando infine giunse alla formulazione matura della sua teoria si convinse che l’unico modo per affrontare le crisi era rappresentata da una politica economica nuova, basata prevalentemente sulla spesa pubblica come condizione per superare il blocco determinato dal modo in cui il denaro permetteva di limitare la disponibilità del capitale esistente, creando una sua artificiale scarsità.

 

Ultima modifica: 01 Luglio 2020