New

Non servono “moniti”, se manca una bussola!

Poco più di un anno fa un folto gruppo di economisti di diversi paesi ha lanciato un monito, pubblicato sul Financial Times del 23/9/2013. Il succo dell’appello era ben riassunto dalle conclusioni: “Occorre essere consapevoli che proseguendo con le politiche di ‘austerità’ e affidando il riequilibrio alle cosiddette ‘riforme strutturali’ il destino dell’euro sarà segnato: l’esperienza della moneta unica si esaurirà, con ripercussioni sulla tenuta del mercato unico europeo. In assenza di condizioni per una riforma del sistema finanziario e della politica monetaria e fiscale che dia vita a un piano di rilancio degli investimenti pubblici e privati, contrasti le sperequazioni tra i redditi e tra i territori e risollevi l’occupazione nelle periferie dell’Unione, ai decisori politici non resterà altro che una scelta cruciale tra modalità alternative di uscita dall’euro”. Ma che cosa succede se la caduta degli investimenti pubblici e privati, l’accentuato squilibrio tra i redditi, l’esplodere della disoccupazione di massa e perfino l’eventuale futura fuga dell’euro, sono sintomi della crisi, non le sue cause? Succede - com’è successo – che il monito lascia il tempo che trova, e cioè non sortisce gli effetti sperati. Né basta insistere sulla sua attualità, come hanno fatto Brancaccio e Zezza sull’ultimo numero di Critica Marxista, per ottenere qualcosa di diverso.

 

Quand’è che un monito “funziona”? Ciò accade quando mette in guardia i destinatari nei confronti di un comportamento che già sanno foriero di conseguenze negative. Se, invece, essi immaginano che quel comportamento corrisponda ancora alla fisiologia dell’organizzazione sociale, occorre prima convincerli del fatto che le difficoltà di cui si soffre sono dovute a quelle pratiche sociali, per poi prospettare la positività di un comportamento alternativo. Ma se i destinatari del monito non concepiscono la possibilità di procedere con un’altra modalità, il monito cadrà nel vuoto, e cioè non produrrà alcun effetto. Se, invece di limitarsi a richiamare le sollecitazioni del Keynes de Le conseguenze economiche della pace, gli estensori del monito avessero tenuto presenti le dinamiche sociali che impedirono ai cittadini dei paesi europei di convenire con le sue anticipazioni sulle nefaste conseguenze del Trattato di Versailles, forse avrebbero potuto confrontarsi in maniera più proficua con le difficoltà che incombono su di noi. Ma qual è la natura del problema che dobbiamo affrontare, e perché la sua soluzione richiede qualcosa di più dell’accettazione di un monito?

 

Capire la crisi

Si ripete di continuo che la società sta attraversando un crisi profonda, addirittura epocale. Pochi si rendono però conto del significato di questa espressione. La maggior parte delle persone interpreta, infatti, gli eventi in un orizzonte di continuità con il passato; continuità che sarebbe stata arbitrariamente interrotta da comportamenti prevaricatori altrui, che avrebbero scatenato la crisi. Ma la crisi non è “questa cosa”. Non è cioè imputabile al comportamento deviante di qualcuno, bensì è quel sofferto processo che demarca l’eventuale passaggio da un modo di essere della società e degli individui ad un altro profondamente diverso. Questa proposizione non va però recepita in forma ingenua, appunto perché la società subisce quel processo come un qualcosa che si impone su di essa facendola patire, e proprio per questo frappone forti resistenze a riconoscere i problemi emersi come un prodotto delle sue stesse conquiste. Infatti, i comportamenti ereditati non producono più i risultati positivi che in passato garantivano, e più si cerca di affrontare le difficoltà emerse con quelle pratiche sociali, più si ottengono effetti contraddittori. E’ così necessario sviluppare la capacità di formulare i problemi in modo nuovo, per sperare di risolverli su una base sociale diversa da quella sulla quale hanno preso corpo, in conseguenza dello stesso sviluppo che essa ha favorito.

 

Il monito è inadeguato a svolgere questo compito, appunto perché per sua natura nega questo bisogno di un radicale cambiamento della struttura delle relazioni sociali, cambiamento il cui svolgimento non è già noto. Prima di approfondire nel concreto perché, a mio avviso, anche il monito degli economisti soffre di questo limite, cercherò di chiarire la tesi che sto esponendo con un esempio storico. Com’è noto, nell’ambito delle famiglie ci sono stati anche in passato conflitti e incomprensioni. Ma proprio perché fino alla fine degli anni ’50 la famiglia come istituzione sociale “reggeva” quale espressione della cultura ereditata, i moniti dei preti in confessionale e dai pulpiti bastavano – non già per risolvere quei conflitti, ma per farli evolvere in modo riproduttivo, cioè per farli svolgere il meno distruttivamente possibile sulla base culturale esistente. Ciò determinava la conferma della solidità di quella base. Quando, a partire dalla metà degli anni ’70, la famiglia ha cominciato ad entrare in crisi, quei moniti hanno via via finito col divenire inefficaci. (Si pensi al mutamento corrispondente all’introduzione del divorzio, che cancellava la natura di sacramento del matrimonio.) Nel giro di pochi decenni, se e quando qualche famiglia si è posta il problema di superare le crisi che si manifestavano al suo interno, non si è rivolta più al prete, ma al terapeuta. L’intervento di quest’ultimo, che in nessun caso si risolve in un monito, dimostra che i membri della famiglia sono diventati consapevoli di soffrire di un problema che non capiscono e non dominano e, per affrontarlo coerentemente, debbono accantonare la vecchia credenza che esso sia causato dai comportamenti colposi o stravaganti di qualcuno di loro, per cominciare ad entrare in una realtà nuova nella quale non sanno orientarsi spontaneamente. Il quadro generale cambia così radicalmente, col concepimento dell’embrione di un vero e proprio rivoluzionamento culturale, anche se questo non corrisponde ancora alla nascita di una nuova forma dell’individualità sociale.

 

Se posso esprimermi con una metafora: la crisi è una sorta di parto, col quale la società e gli individui sono sollecitati a dare alla luce nuove forme della socialità. Le condizioni che impongono l’elaborazione di queste forme, pur essendo state concepite all’interno della cultura che dava corpo all’umanità nel momento storico immediatamente preesistente, non possono più operare attraverso quella mediazione senza causare una decadenza. Per questo spingono per conquistare una forma corrispondente alla natura implicita in ciò che potenzialmente sono. Come sottolineò Marx:

“ad un certo punto del loro sviluppo le forze produttive materiali della società incappano (geraten) in una contraddizione con i rapporti di produzione dati o, per esprimersi in termini giuridici, con i rapporti di proprietà sulla base dei quali fino a quel momento si erano estrinsecate. Da forme che garantivano uno sviluppo delle forze produttive, quelle relazioni si trasformano in catene. Si entra allora in un’epoca di rivoluzionamento sociale”.(1)

 

La semplificazione storica insita nel monito

Gli economisti che hanno sottoscritto l’appello obietteranno: “ma noi vogliamo un cambiamento! Rivendichiamo l’abbandono delle politiche di austerità che sono state imposte in Europa negli ultimi decenni. Vogliamo un rilancio degli investimenti pubblici e privati; vogliamo una redistribuzione dei redditi, anche per sostenere la domanda; vogliamo un aumento dell’occupazione.” Un appello che echeggia lucidamente le numerose esortazioni fatte da Keynes negli anni ’30, per fronteggiare la Grande Crisi. Ora, è senz’altro vero che i neoliberisti sono fissati alle stesse forme ideologiche di pensiero che dominavano prima del trionfo del keynesismo, per cui un’opposizione che rivendichi le politiche keynesiane può sembrare all’altezza della situazione, in quanto esprimerebbe la necessaria “resistenza”. Ma chi vuole affrontare i problemi di cui soffriamo può veramente abbandonarsi ad una sorta di coazione a ripetere ormai del tutto anacronistica? Se il contrasto tra Keynes e i conservatori dell’epoca rifletteva una condizione culturale nella quale il nucleo centrale della soluzione consisteva nell’adeguarsi alla fine del laissez faire (2), con l’intervento diretto dello stato nel processo produttivo, siamo ancora a quel livello o il quadro generale è profondamente cambiato? Chi resiste vuole impedire quello che considera come uno stravolgimento regressivo delle forme di vita. Ma si tratta di una difesa dei rapporti storici preesistenti al neoliberismo. In questa dinamica non c’è, dunque, nulla di innovativo, bensì solo la ripetizione della storia passata.

 

Certo, come ci ha insegnato Fachinelli, con il mondo ereditato bisogna fare i conti perché esprime ciò che siamo, cosicché nessuno può pretendere di sentirsi così libero da poter ricominciare la storia da zero. Ma c’è una differenza profonda tra una pura e semplice ripetizione e quella che Fachinelli definisce come una ripresa. L’interazione col mondo

“può infatti corrispondere ad una riedizione pressoché puntuale del già dato; oppure ad un movimento che, tenendo presenti alcuni elementi di partenza, li trasfigura in una situazione incomparabile con la prima; oppure ancora ad una ripetizione che la conferma in termini ulteriormente impoveriti, degradati. … La prima [e la terza] le chiameremo repliche, per rappresentare una riproduzione senza originalità, … la seconda ripresa, per indicare un ricominciamento verso l’avanti, modificatorio”.(3)

 

Una pura e semplice riedizione dello Stato sociale è praticabile?

Per sostenere che un “rilancio degli investimenti pubblici e privati”, accompagnato da una “politica redistributiva e da una crescita del lavoro”, sia sufficiente per farci uscire dalla crisi si deve credere che la crisi che stiamo attraversando sia cominciata col crollo delle borse del 2007/2008 e si protragga solo a causa delle politiche neoliberiste. Se questa ingenuità storica è perdonabile in quei giovanotti di meno di trent’anni non abituati a frequentare biblioteche ed emeroteche, non può invece essere tollerata in chi è sensibilmente più avanti negli anni e magari ha goduto a suo tempo dell’affermarsi del Welfare. La corretta datazione degli eventi è infatti essenziale, perché il trionfo postbellico trentennale dello Stato sociale keynesiano ha rappresentato una discontinuità nel puro e semplice processo di riproduzione e di sviluppo dei rapporti capitalistici. E la parabola di quella formazione sociale si è chiusa dalla metà degli anni ’70, con l’esplodere di una sua crisi. Nella maggior parte delle analisi la portata di quell’evento è stata sin qui sottovalutata o ignorata. Qualcuno arriva addirittura a considerare lo stesso sviluppo di quella formazione sociale come “un’eccezione”.(4) Ora, un’eccezione è “ciò che può essere tolto”, cioè un evento accidentale che non fa la storia, la cui casualità permette di espungerlo nella ricostruzione dei processi analizzati, per ridurli a ciò che appare essenziale. Ma se si cancella l’essenzialità dello Stato sociale ci si preclude la possibilità di affrontare i problemi emersi con la crisi che sta decretando la sua dissoluzione. Non ci si starebbe confrontando con la propria crisi – cioè con la propria incapacità, come organismi dei lavoratori, di fare i conti con i propri limiti culturali – bensì un fenomeno causato da altri (politici e imprenditori), con i loro comportamenti negativi, ai quali si sarebbe del tutto estranei. Per questo il conflitto finisce col diventare puramente difensivo e, dunque, ripetitivo.

 

Ora, che lo Stato sociale non avrebbe dovuto esser considerato come la forma ultima dello sviluppo sociale era stato anticipato proprio da colui che più si era battuto per la sua affermazione, John M. Keynes. Nella Teoria Generale, scritta nel 1936, aveva previsto che l’intervento pubblico avrebbe, “nel giro di un paio di generazioni (!), risolto il problema della scarsità del capitale”, e ciò avrebbe permesso “l’eutanasia dei percettori di rendite e la scomparsa del crescente potere oppressivo dei capitalisti”.(5) Da allora il peso relativo della spesa pubblica nella formazione del Reddito Nazionale dei paesi europei – sulla quale si basava la politica keynesiana del pieno impiego - è mediamente più che raddoppiato, passando dal 20% circa a poco meno del 50% del PIL, e lo stesso Reddito Nazionale in termini di prezzi costanti è aumentato mediamente di circa il 700%. In termini di prodotto materiale l’aumento è stato poi ben più poderoso – da venti a trenta volte - appunto perché la produzione dei beni e dei servizi ha avuto, grazie al vertiginoso aumento della produttività, una rilevantissima caduta in termini di valore, cioè dei costi di produzione.

 

La maggior parte degli economisti (6) ha interpretato l’anticipazione di Keynes sul futuro del Welfare in maniera completamente stravolta, sostenendo che egli avrebbe previsto per lo Stato sociale la “generazione automatica” (7) di una situazione positiva, nella quale la società avrebbe goduto senza intralci degli effetti di quest’aumento della produttività. Ma non è così. La tesi di Keynes è, infatti, addirittura opposta. Il cambiamento avrebbe in un primo momento “fatto del male e sarebbe sfociato in problemi di difficile soluzione”. Esso si sarebbe pertanto presentato come una “nuova malattia”, che sollecitava ad “anticipare con terrore l’adeguamento che avrebbe comportato sull’individuo comune, che avrebbe dovuto sbarazzarsi (discard) della cultura e degli istinti coltivati da innumerevoli generazioni”.(8) La fase in cui la scarsità di capitale sarebbe stata superata avrebbe, cioè, dovuto essere considerata particolarmente preoccupante, perché gli individui avrebbero continuato, sul piano sociale, a cercare di procedere inerzialmente, nel modo in cui erano stati abituati a fare da tantissimo tempo. Per questo il successo dello Stato sociale sarebbe sfociato in una sua crisi, in una situazione di smarrimento generale come quello che stiamo attraversando. E la possibilità di un’evoluzione alternativa avrebbe richiesto lo sviluppo di nuove capacità sociali, quello che Marx ha definito come un “rivoluzionamento”.

 

Come spingersi al di là del monito?

L’esperienza insegna che non c’è situazione più pericolosa di quella nella quale chi è smarrito resiste al riconoscimento del suo stesso stato di smarrimento. Per affrontare una situazione nella quale si è confusi occorre, innanzi tutto, fare i conti col senso di paura e di impotenza corrispondente e attivare al massimo la sensibilità, cercando nel contesto dei segni di orientamento che possono aiutare a individuare la direzione verso la quale muovere. Ma è da ingenui credere che si tratti di un compito facile, appunto perché la crisi dimostra che siamo finiti su un territorio col quale non abbiamo alcuna familiarità. Una situazione descritta egregiamente da Keynes quando stava cercando di comprendere alcune delle implicazioni della disoccupazione e della natura contraddittoria del denaro. Scrisse infatti,

 

"la composizione di questo libro è stata per l'autore una lunga lotta per fuggire, e così deve essere la sua lettura se l'assalto dell'autore ai lettori deve avere successo - una lotta per la fuga dalle solite espressioni e dal solito modo di pensare. La difficoltà non deriva dalle nuove idee, ma dalla necessità di sfuggire dalle vecchie, che si ramificano, per coloro che sono stati educati come la maggior parte di noi, in ogni angolo della nostra mente".(9)

 

Il ricorso alla sensibilità ereditata, per negare l’esperienza dalla quale si è assaliti, spinge invece ad imboccare le stesse strade che la storia ha dimostrato impraticabili. Il puro e semplice appello ad “attribuire nuovamente ai poteri pubblici un ruolo guida nei processi di centralizzazione del capitale nazionale e a condizionare gli scambi necessari alla centralizzazione su scala internazionale al rispetto di un nuovo standard del lavoro”(10), ad esempio, corrisponde alla convinzione che sia possibile una pura e semplice riedizione del primo keynesismo. Quel keynesismo ha preso lo spunto proprio dalla convinzione che, nonostante il blocco dell’accumulazione sopravvenuto con la Grande Crisi, ci fosse lo spazio per riprodurre il lavoro salariato su scala allargata. Ma questa riproduzione avrebbe dovuto essere praticata su una base diversa, appunto perché non si sarebbe più trattato di un lavoro che si scambiava contro capitale, bensì di lavoro che si scambiava contro reddito.(11)

 

Chi non è fuorviato da un’interpretazione banale di quella fase storica – che si racchiude nell’ipotesi che essa sarebbe stata caratterizzata da un “compromesso” capitale-lavoro – si rende facilmente conto del perché l’intervento su scala allargata dello stato corrispondeva ad un “rivoluzionamento dei rapporti”. Certo, com’è avvenuto per tutte le trasformazioni storiche, si trattava di un rivoluzionamento embrionale. Ma ciò non lo rendeva meno “vero”. A che cosa corrispondeva, infatti, la disoccupazione di massa e la sottoutilizzazione del capitale produttivo esistente negli anni ‘30? All’incapacità da parte del capitale di impiegare quelle risorse nella forma sociale che gli era propria. Un comportamento dettato dal fatto che dal loro impiego (investimenti privati) sarebbero scaturite perdite e svalorizzazione della ricchezza esistente. Keynes sostenne che la società poteva procedere ad impiegare quelle risorse su una base sociale alternativa attraverso la spesa pubblica crescente (investimenti pubblici). Coloro che hanno difficoltà a sperimentare il senso delle trasformazioni non colgono la portata del cambiamento sociale corrispondente. Per dirla in modo semplice: quella forza lavoro e quelle risorse materiali cominciarono ad essere impiegate dalla società per soddisfare quei grandi bisogni collettivi che, da allora, divennero noti col nome di “diritti sociali”. Per avere una misura del fenomeno di cui stiamo parlando va tenuto presente che, nel trentennio keynesiano, mentre l’occupazione inglese (12) del settore privato non agricolo diminuì di circa 1.000.000 di unità (da 16 milioni a 15), quella pubblica crebbe di 5.000.000 di unità (da 2,5 milioni a 7,5), arrivando a coprire un terzo della forza lavoro complessiva (13). La società si “insignoriva” così di quelle risorse che, nel ventennio tra le due guerre, il capitale aveva dimostrato di non saper impiegare. Ci troviamo cioè di fronte all’attuazione pratica di quel passaggio anticipato da Marx nel Terzo Libro del Capitale là dove scrive:

 

“la libertà [nel campo della produzione materiale] può consistere solo in ciò, che l’uomo socializzato, cioè i produttori associati, regolano razionalmente questo loro ricambio organico con la natura, lo portano solo il loro comune controllo, invece di essere da esso dominati come una forza cieca; che essi eseguono il loro compito con il minore possibile impiego di energia e nelle condizioni più adeguate alla loro natura umana e più degne di essa”.(14)

 

Coloro che non hanno idea della natura storica dei rapporti produttivi, riducono in genere questi processi a manifestazioni della volontà di soggetti e di classi, cosicché non riescono a cogliere i mutamenti strutturali che intervengono nelle forme della vita umana. Per questo un elemento che rappresenta un prezioso svolgimento del pensiero di Keynes, li porta completamente fuori strada spingendoli a vedere solo una continuità là dove invece c’è anche una rottura. Di che cosa si tratta? La tesi di Keynes è che l’opposizione culturale dei capitalisti e dei conservatori all’intervento dello stato contrastava con i loro stessi interessi, perché la spesa pubblica oltre a garantire i diritti sociali, avrebbe assicurato quei redditi in assenza dei quali gli stessi investimenti privati non potevano intervenire. L’interesse delle classi subalterne a uscire dallo stato di miseria cui le condannava la disoccupazione di massa non sarebbe stato in contrasto con quello dei capitalisti, perché la spesa pubblica non avrebbe sottratto risorse alle imprese, ma al contrario le avrebbe fatte incontrare con la domanda potenziale che restava inespressa fintanto che continuava a dipendere soltanto dalla spesa privata.(15)

Per Keynes questo passaggio avrebbe però garantito uno straordinario sviluppo solo per una fase storica, perché la crescita del prodotto avrebbe potuto essere coerentemente perseguita solo fintanto che nella società avrebbe continuato a prevalere la penuria. Quando il capitale avrebbe cominciato a cessare di essere scarso e le condizioni di vita ad essere mediamente meno miserevoli, non si sarebbe più potuto procedere sulla base appena conquistata. La progressiva caduta del moltiplicatore (16), che si sarebbe manifestata nella sistematica diminuzione dei tassi di aumento del PIL, avrebbe ridimensionato la capacità dello stato di creare, con gli investimenti pubblici, il lavoro aggiuntivo necessario a garantire il pieno impiego, fermo restando il quadro dei rapporti sociali. E’ bene avere una misura esatta del modo in cui questo fenomeno si è svolto

 

Evoluzione decennale dell’aumento del PIL (Italia) 1951 – 1960    5,6%

1961 - 1970    5,6%

1971 - 1980    3,8%

1981 – 1990    2,4%

1991 – 2000    1,6%

2001- 2010    0,25%

Fonte: ISTAT

 

Il progressivo ridursi del tasso di crescita del PIL (17) testimonia un fatto che Keynes aveva lucidamente anticipato. Se l’intervento su scala allargata dello stato nel processo economico, oltre a soddisfare i grandi bisogni sociali, sostiene l’ulteriore accumulazione del capitale, ciò favorisce un’espansione aggiuntiva della capacità produttiva, con un progressivo straordinario aumento della produttività del lavoro. Questo “risparmio” del lavoro necessario per ottenere il prodotto annuo si trasformerebbe immediatamente in una contrazione della domanda, se non intervenisse una continua espansione dei bisogni che, attraverso la mediazione della spesa pubblica e degli investimenti privati favoriti dell’effetto moltiplicatore, permette di sostituire i lavori resi superflui dal progresso tecnico con lavori nuovi destinati a soddisfare nuovi bisogni. Solo a questa condizione il progresso tecnico non sfocia nel dilagare della disoccupazione. Ma mentre questo presupposto è dato

 

“nei paesi che non sono all’avanguardia del progresso”,(18)

 

via via che un paese conquista per i suoi cittadini un livello di vita mediamente confortevole, sopravviene una situazione nuova nella quale esso si dissolve, perché

 

“l’introduzione di mezzi che economizzano l’uso del lavoro supera il tasso al quale si riescono a trovare nuovi usi per quel lavoro [che viene economizzato] ”.(19) Vale a dire che anche se i bisogni che si esprimono come domanda crescono, lo fanno tuttavia meno celermente di come cresce la capacità di soddisfarli.

 

Per questo il moltiplicatore diminuisce al migliorare delle condizioni economiche della società. E infatti mentre, da un lato, cresce la propensione marginale al risparmio (che non si trasforma spontaneamente in una spesa, e quindi non crea lavoro), dall’altro lato, la propensione marginale al consumo - che crea lavoro sia direttamente, attraverso la spesa dei consumatori, sia indirettamente, attraverso gli investimenti delle imprese - diminuisce. Quanto più questo processo si svolge, tanto più diventa un ostacolo al puro e semplice protrarsi invariato delle tradizionali politiche interventiste del primo keynesismo, perché la spesa non genera, altrettanto facilmente di come faceva in passato, altre spese.

Essendo scomparse le condizioni che avevano consentito lo sviluppo del Welfare, interviene il bisogno di un cambiamento radicale, che adegui le relazioni sociali alle nuove condizioni. Che in questa fase gli individui sperimentino la situazione in modi diversi non è strano. E’ cioè del tutto normale che le classi egemoni dicano “lasciateci fare”, sottomettendovi sempre di più alle nostre esigenze, perché siamo in grado di rimettere le cose a posto. Ed è altrettanto naturale che le classi subalterne, che soffrono ben più gravemente delle difficoltà emerse, sostengano che ci vuole un “vero” cambiamento, perché è dal tempo della Thatcher – cioè da ben 35 anni – che le classi egemoni ripetono inutilmente che quel “lasciar fare” avrebbe

 

“garantito che se si chiudevano posti di lavoro da una parte, era per crearne dei nuovi da un’altra … L’eliminare i posti di lavoro improduttivi avrebbe cioè permesso di risparmiare denaro, per investirlo in più proficue attività, che avrebbero dato nuovo lavoro”.(20)

 

Ma questa fantasia è stata confutata dalla storia. Tuttavia non si può rispondere oggi, come fa Stiglitz, che

 

“esiste un’ampia scelta di investimenti pubblici che produrrebbero rendimenti elevati, ben più elevati del costo reale del capitale, e questo consoliderebbe i bilanci dei Paesi che li intraprendono”,(21)

 

affermando implicitamente che lo stato riuscirebbe addirittura a realizzare un’accumulazione diretta,(22) cioè potrebbe operare efficacemente proprio in quell’articolazione del processo produttivo dove il privato fallisce.

 

Perché abbiamo bisogno di una bussola per affrontare la crisi

E’ di fronte a simili sbandamenti che la questione dell’orientamento assume un ruolo centrale. La bussola è uno strumento che ci consente di orientarci anche quando non siamo in grado di farlo sulla base delle nostre percezioni immediate del contesto. Ci permette infatti di organizzare coerentemente il nostro procedere in un ambiente sconosciuto, a condizione, però, che si sappia da dove muoviamo e si abbia un’idea della direzione verso la quale vogliamo dirigerci. Ma essa non ha alcuna utilità per chi, invece, crede di dovere o di poter battere sempre il sentiero che gli è noto, pensando che non riesce a procedere oltre positivamente solo per uno sbarramento arbitrario altrui.

 

Ora, è evidente che si può e si deve contrastare la convinzione neoliberista che la crisi sia la manifestazione di una mancanza di risorse (23), da riequilibrare con l’austerità, come ci ha insegnato a fare Keynes nel suo faticoso confronto/scontro con i liberisti degli anni ’30. Ma il tutto non si può risolvere riaffermando, che basti alimentare la spesa pubblica per creare le condizioni del “superamento della crisi”, appunto perché quella attuale non è una pura e semplice ripetizione della crisi degli anni ’30. Cerchiamo di chiudere la nostra analisi su passaggio essenziale.

 

Se la mia lettura del pensiero di Keynes è corretta, la crisi è la conseguenza di uno straordinario sviluppo: le condizioni economiche dei paesi sviluppati sono infatti cambiate così radicalmente da far emergere un’insormontabile difficoltà a riprodurre il lavoro salariato sulla scala necessaria a garantire il pieno impiego. Ma se questo è vero non si tratta affatto della questione del futuro dell’euro, bensì di quella del destino del rapporto di valore. Non è cioè la forma particolare del denaro ad essere messa in discussione, ma lo stesso rapporto di denaro nella sua generalità, perché in esso pretende di esprimersi l’universalità dell’attività produttiva degli esseri umani, mentre in realtà è solo una forma unilaterale e limitata delle capacità produttive, che non è più all’altezza dei bisogni in formazione. Nel leggere queste parole è probabile che sul lettore cali una grande nebbia. Ma è la nebbia che sopravviene nelle grandi svolte della vita collettiva, come quella che ci sta investendo. Per questo c’è bisogno di una bussola. Una bussola che il pensiero di Keynes e quello di Marx possono aiutarci a tarare.

 

Il primo, dopo averci fornito la giusta terapia per la disoccupazione di massa imperante nella prima metà del Novecento, ci dice che quella cura sarà a termine, e il malato sarà veramente guarito solo “quando uscirà fuori dal tunnel della necessità economica” elaborando forme di sviluppo che poggiano sull’accettazione della crescente difficoltà di riprodurre il lavoro e procedano a redistribuire tra tutti le attività necessarie, proprio per consentire a ciascuno di godere di una libertà produttiva finora riservata a ristrette classi egemoni. Marx ci prospetta un mondo nel quale “la grande industria ha creato una nuova base, sulla quale il lavoro in forma immediata ha cessato di essere la grande fonte della ricchezza”, ciò che comporta “un crollo della produzione basata sul valore di scambio”. Entrambi ci invitano così ad imparare a prendere in mano il nostro destino, che è cosa ben più complessa di quella del decidere del destino dell’euro.

 

1. Karl Marx, Vorwort, Zur Kritik der Politischen Oekonomie, Marx Werke, p.2.

2. John M. Keynes, The end of laissez faire, in Essays in Persuasion, The Collected Writings, cit. vol. IX, pp. 272/294.

3. Elvio Fachinelli, Il bambino dalle uova d’oro, Feltrinelli, Milano 1974, p. 236.

4. Stefano Fassina, Prefazione a Marco Cravriolatti, E la borsa e la vita, Ediesse, Roma 2014, p.10. E’ bene riportare il testo: “Il compromesso tra capitale e lavoro, faticosamente conseguito dopo la seconda guerra mondiale, fu tuttavia raggiunto in circostanze eccezionali. … I trent’anni cosiddetti ‘gloriosi’ … costituiscono un’eccezione se analizzati in base a uno sguardo di lungo periodo”. Per dirla metaforicamente: una coppia vuole dei figli, ma non riesce ad averli. Ad un certo punto la donna resta incinta e partorisce, ma dopo qualche anno, purtroppo, il bambino muore. Cosicché quella coppia tornerà a non avere figli. In una visione di lungo periodo, la fase in cui sono stati genitori, non conterebbe!

5. John M. Keynes, The general theory of employment, interest and money, Macmillan, London 1964, p. 376.

6. Vedi ad esempio J. P. Fitoussi e la mia critica alla sua interpretazione di Keynes nell’appendice di Dare di più ai padri per far avere di più ai figli, Asterios, Trieste, 2013.

7. Marco Cavriolatti, E la borsa e la vita, cit. p. 147.

8. John M. Keynes, Possibilities for our grandchildren, in Essays in persuasion, The Collected Writings, Macmillan, London, 1972, vol. IX, pp. 325-327.

9. John M. Keynes, The general theory of employment, interest and money, cit. p. VIII.

10. Emiliano Brancaccio, Il “monito degli economisti”, un anno dopo, Critica Marxista n. 5, 2014, p.22. Ma anche chi dissente, come Rosario Patalano, scrive: “… il rinnovato interesse per la teoria economica keynesiana e per l’intervento dello stato, che oggi cominciano a ritrovare una loro legittimità e una loro dignità scientifica, sembrano andare nella direzione giusta”. Ibidem p. 28

11. Per un approfondimento vedi il mio Ancora Keynes?! Asterios Editore, Trieste, 2013.

12. Il riferimento all’Inghilterra è necessario, perché solo in quel paese abbiamo un’evoluzione storica che contiene coerentemente sia la fase dell’egemonia dei rapporti capitalisti, sia quella della loro decadenza, che quella della piena affermazione del Welfare.

13. Richard Rose, Public employment in Western nations, Cambridge University Press, Cambridge 1985.

14. Karl Marx, Il capitale, Libro III, vol. 3, Editori Riuniti, Roma 1972, p. 232.

15. Già il fordismo si era in parte mosso in questa direzione con gli alti salari. Ma pensava, in tal modo, di sottrarsi al problema della sovrapproduzione, una convinzione che la Grande Crisi smentì clamorosamente.

16. Il moltiplicatore è la grandezza che misura il rapporto tra gli aumenti secondari del reddito e la spesa iniziale in investimenti pubblici.

17. Che non è un fenomeno solo italiano, visto che i dati riferiti al mondo registrano una caduta del 50% del tasso di aumento del PIL dal 1950 al 2000.

18. John M. Keynes, Possibilities for our grandchildren, cit. p. 325.

19. Ibidem.

20. Diego Marani, Lavorare manca, Bompiani, Bologna 2014, p. 193.

21. Joseph Stiglitz, Domanda, domanda, domanda: solo così si esce dalla recessione, Il Sole-24 Ore, 31/12/2014.

22. Con questa affermazione si confuta anche il nocciolo della teoria keynesiana, che riconosce allo stato la possibilità di affrontare il problema della disoccupazione proprio perché sarebbe in grado di produrre senza perseguire il fine dell’accumulazione.

23. Anche se si tratta di un’idiozia costantemente ripetuta da tutti gli opinionisti nostrani.

@ Riproduzione riservata www.redistribuireillavoro.it - Centro Studi e iniziative per la riduzione del tempo individuale di lavoro e redistribuzione del lavoro sociale complessivo