Cookie Policy     Chiudi

Questo sito non utlizza cookies.
Per maggiori informazioni leggi la nostra Cookie Policy

Quaderni di Formazione online

Periodico di formazione on line a cura del centro studi e iniziative per la riduzione del tempo individuale di lavoro e per la redistribuzione del lavoro sociale complessivo

QUADERNI 2018

QUADERNI 2017

 QUADERNI 2016

In questa sezione vengono pubblicati dei saggi finalizzati all’attività di formazione on-line da parte del Centro Studi. Si prevede la pubblicazione a cadenza almeno mensile di documenti che in qualche modo inquadrino in modo semplice il problema della necessità di redistribuire il lavoro.

Quanti sono interessati ad approfondire i problemi contenuti nei testi di volta in volta proposti possono farlo scrivendo a bmazz@tin.it.

Quel Pane da spartire - Teoria generale della necessità di redistribuire il lavoro

(I Parte)

Perché ripubblicare a vent’anni di distanza Quel pane da spartire?  Teoria generale della necessità di redistribuire il lavoro.  Perché da tempo è esaurita la ristampa, ma soprattutto perché il bisogno che aveva allora sollecitato la sua scrittura è ancora del tutto insoddisfatto. Anzi, da molti di vista, come c’era da aspettarsi, la situazione è ulteriormente peggiorata.  Nel 1997 ci si lamentava del fatto che gli intellettuali critici e gli stessi partiti di sinistra portassero avanti le loro proposte di cambiamento come “un’orchestra stonata”, rifiutandosi di affrontare le contraddizioni esistenti tra i provvedimenti per cui si battevano, e che affastellavano sincreticamente nei loro programmi.  Oggi la confusione si è radicata addirittura nella mente dei singoli che portano avanti progetti che nella realtà somigliano a mosaici impazziti.

In passato coloro che si battevano per il reddito di cittadinanza “sapevano” quello per cui lottavano e cercavano di formularlo in modo coerente, anche se nel testo abbiamo sottoposto quella formulazione ad una serrata critica per la sua intrinseca contraddittorietà.  Oggi coloro che brandiscono questa proposta soffrono della più grave confusione, proponendo con quel nome le prosaiche indennità di disoccupazione, per di più imposte nella forma del workfare, che non ha nulla a vedere con la natura positiva della conquista di quell’indennità a inizio Novecento.  .... Continua la lettura

GLI ALTRI QUADERNI PUBBLICATI

 

Q. nr. 6/2018 – Gli ostacoli sulla redistribuzione del lavoro (IV e ultima Parte)

Q. nr. 5/2018 – Gli ostacoli sulla redistribuzione del lavoro (III Parte)

Q. nr. 4/2018 – Gli ostacoli sulla redistribuzione del lavoro (II Parte)

Q. nr. 3/2018 – Gli ostacoli sulla redistribuzione del lavoro (I Parte)

Q. nr. 2/2018 – Alla scoperta della Libertà che manca (V Parte)

Q. nr. 1/2018 – Alla scoperta della Libertà che manca (IV Parte)

 

Q. nr. 11/2017 – Alla scoperta della Libertà che manca (III Parte)

Q. nr. 10/2017 – Alla scoperta della Libertà che manca (II Parte)

Q. nr. 9/2017 – Alla scoperta della Libertà che manca (I Parte)

Q. nr. 8/2017 – Oltre la crisi del Comunismo

Q. nr. 7/2017 – Il Comunista negato – Un soggetto in bilico tra regresso e coazione a ripetere

Q. nr. 6/2017 – Oltre il capitalismo per scelta o per necessità? (Da l’uomo sottosopra) (Terza parte)

Q. nr. 5/2017 – Oltre il capitalismo per scelta o per necessità? (Da l’uomo sottosopra) (Seconda parte)

Q. nr. 4/2017 – Oltre il capitalismo per scelta o per necessità? (Da l’uomo sottosopra) (Prima parte)

Q. nr. 3/2017 – Quale prospettiva dopo la dissoluzione della politica? (Seconda parte)

Q. nr. 2/2017 – Quale prospettiva dopo la dissoluzione della politica? (Prima parte)

Q. nr. 1/2017 – Per comprendere la natura dello Stato Sociale e la sua crisi

 

Q. nr. 10/2016 – La crisi e il bisogno di rifondazione dei rapporti sociali - In ricordo di Primo Levi e Federico Caffè

Q. nr. 9/2016 –  1. L'individuo comunitario: una forza produttiva in gestazione? -

2. Il capitale è zoppo, non seguiamolo nella sua illusione di essere una lepre

Q. nr. 8/2016 - E se il lavoro fosse senza futuro? Perché la crisi del capitalismo e quella dello stato sociale trascinano con sé il lavoro salariato (Appendice)

Q. nr. 7/2016 - E se il lavoro fosse senza futuro? Perché la crisi del capitalismo e quella dello stato sociale trascinano con sé il lavoro salariato (V Parte)

Q. nr. 6/2016 - E se il lavoro fosse senza futuro? Perché la crisi del capitalismo e quella dello stato sociale trascinano con sé il lavoro salariato (IV Parte)

Q. nr. 5/2016 - E se il lavoro fosse senza futuro? Perché la crisi del capitalismo e quella dello stato sociale trascinano con sé il lavoro salariato (III Parte)

Q. nr. 4/2016 - E se il lavoro fosse senza futuro? Perché la crisi del capitalismo e quella dello stato sociale trascinano con sé il lavoro salariato (II Parte)

Q. nr. 3/2016 - E se il lavoro fosse senza futuro? Perché la crisi del capitalismo e quella dello stato sociale trascinano con sé il lavoro salariato (I Parte)

Q. nr. 2/2016 - La disoccupazione al di là del senso comune

Q. nr. 1/2016 - Meno lavoro o più lavoro nell’età microelettronica?

 

Ultima modifica: 03 Luglio 2018